Torrelles Johan

0
90

JOHAN TORRELLES Catalano. Pirata. Castellano e conte di Ischia per conto degli aragonesi. Fratello di Carlo Torreglia.

+1490 ca.

Anno, mese

Stato, in proprio

Avversario

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1449

 

 

 

Marzo

Re d’Aragona

 

Ha il comando di una galea. Concorre alla difesa del traffico marittimo di Barcellona.

Agosto

In proprio

 

Arma una galea nel porto di Tarragona ed esercita la pirateria per proprio conto. I suoi uomini prendono d’assalto le imbarcazioni cariche di merci e si impadroniscono di una grande quantità di frumento, formaggi ed olio. Per arrivare alla sua cattura le città di Barcellona, Tortosa, Tarragona, Perpignano e le isole di Maiorca (Mallorca), Minorca (Menorca) ed Ibiza inpongono ai loro cittadini un forte tributo per armare una galea che scorti le navi mercantili  minacciate dalla sua attività.

Settembre

In proprio

Re d’Aragona

Assale alcune imbarcazioni battenti la bandiera aragonese  dirette a Barcellona ed a altre località costiere. Si impadronisce sempre delle mercanzie, fa prigionieri alcuni uomini, uccide coloro che gli oppongono resistenza. Viene assalito da una galea armata a Barcellona e comandata da Ramon Dez Plaz. E’ investito con lo sperone su un fianco; dopo mezza giornata di scontro tra i suoi uomini ne sono uccisi venti e molti altri muoiuono annegati: i barcellonesi, al contrario, lamentano la perdita di quattro uomini, di cui tre sono rematori ed uno è un balestriere. I feriti sono 52.

1450

In proprio

 

Scorre sempre le coste del Mediterraneo occidentale alla ricerca di prede.

1451

Re d’Aragona

 

Rientra nella legalità;  arma a spese delle autorità di Barcellona una galeotta con la quale ha il compito di proteggere il commercio cittadino. La nave, oltre i marinai, dispone di 89 rematori e di 25 balestrieri. Durante il viaggio gli è affiancato un consigliere affinché sorvegli l’andamento dell’impresa.

……………     Ha l’incarico dal re di Napoli di castellano e conte di Ischia.
1460 In proprio  
Il re di Napoli Ferrante d’Aragona è molto preoccupato per la sua attività piratesca ai danni dei convogli mercantili provenienti dalla Sicilia e da quelli di collegamento tra Napoli, Gaeta e la Sicilia. Più tardi Johan Torrelles viene allo scoperto e si allea con gli angioini ai danni  degli aragonesi.
1462      
Maggio Angiò Napoli
Offre rifugio in Ischia a Giovanni d’Angiò. Ai primi del mese salpa dall’ isola ed entra nel porto di Napoli con 4 galee e 2 fuste.
Settembre     Viene attaccato in Ischia da Bernardo Villamarina con 4 galee.
……………     Gli aragonesi rafforzano parecchie fortificazioni d’Ischia.
1463      
Gen.     E’ contattato dagli aragonesi. Tratta la pace ìn cambio della consegna di 30000 ducati.
Aprile    
Apre trattative segrete con il castellano di Castel dell’Ovo a Napoli Guglielmo Sparviero per la cessione di tale fortezza a Giovanni d’Angiò. Queste si concluderanno positivamente nel successivo ottobre.
Settembre    
A metà mese dà rifugio in Ischia a Giovanni d’Angiò. Insieme cercano di espugnare la fortezza del porto rimasta in mano degli aragonesi.
Ottobre    
Contrasta nelle acque d’Ischia Bernardo Villamarina che tenta di prestare soccorso ai difensori della fortezza dell’isola.
1464      
Maggio    
Scorre nelle acque della Riviera di Ponente;  si impossessa di 20 piccole imbarcazioni cariche di frumento.
Giugno luglio    
Giovanni d’Angiò abbandona Ischia. Vi rimane Johan Torrelles con un presidio angioino. Renato d’Angiò invia in suo soccorso una flotta provenzale che viene sconfitta a luglio. Nello scontro sono catturati il figlio Tommaso  ed il fratello Carlo (Carlo Torreglia). Apre trattative con Ferrante d’Aragona e si piega all’autorità del re di Napoli.
1472 Re d’Aragona   Guida l’assedio di Barcellona per conto del re Giovanni d’Aragona.
1488 Re d’Aragona Angiò
Con Bernardo Villamarina ed il Saragossa prende parte ad un attacco ai danni di Marsiglia.
1489 In proprio Piombino
Con il fratello Carlo Torreglia minaccia l’isola d’Elba. Interviene la flotta del re d’Aragona Ferdinando il Cattolico, condotta da Bernardo Villamarina, a difendere il signore di Piombino Jacopo d’Appiano.

1490

 

 

Muore.

CITAZIONI

-“(E’) negli anni 1449-1450 uno dei maggiori pericoli per il rifornimento mercantile catalano e per le comunità insediate lungo il litorale. Pirata sanguinario e senza scrupoli in un primo tempo, divenuto in seguito difensore del commercio catalano, la sua vicenda porta ad alcune riflessioni sulla fluidità costante delle situazioni e sulle intercambiabilità dei ruoli.” Unali

SHARE
Previous articleTorreglia Carlo
Next articleTrichut Rais