Papacoda Gaspare

Indice Anagrafico dei corsari operanti nel Mediterraneo:

A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - Y - Z

 

Cerca nel sito:

GASPARE PAPACODA Di Napoli.

+

Anno, mese

Stato, in proprio

Avversario

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1668

 

 

 

Gennaio

Spagna

 Corsari barbareschi

Ha il comando interinale della squadra delle galee di Napoli. Naviga con 5 galee da Augusta verso Siracusa e Malta allo scopo di trasportarvi delle vettovaglie. A Capo Passero viene informato che il giorno precedente una caravella algerina ha bombardato sotto la torre di Pozzallo un vascello cristiano e che, nella stessa mattinata, sempre il medesimo naviglio si è impadronito di alcune barche. Avvista una vela da lontano e pensa che si tratti della nave corsara. Lascia il rimorchio di 2 tartane che sta conducendo a Malta con il loro carico e si spinge verso tale imbarcazione per abbordarla. Il vascello (30 pezzi di artiglieria) è presto conquistato con pochi colpi di cannone. Non è trovato il capitano, un rinnegato di Messina, in quanto costui poche ore prima è salito su un caicco con 40 uomini per impossessarsi di una fregata maltese. Gaspare Papacoda si getta sulla costa africana per recuperare tale nave. Intercetta i corsari e li sconfigge. Sono ridotti in schiavitù 152 uomini, compresi diciassette rinnegati;  sono liberati 40 cristiani compresa una donna di Palermo  rapita in precedenza dal corsaro barbaresco.

CITAZIONI

Lascia un commento