Indice Anagrafico dei corsari operanti nel Mediterraneo:

A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - Y - Z

 

Cerca nel sito:

GIACOMO DANDOLO Di Venezia.

+

Anno, mese

Stato, in proprio

Avversario

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1266

 

 

 

Maggio

Venezia

Genova

Si ferma all’isola di Negroponte (Evvoia) dove lo raggiungono alcune galee condotte da Marco Zeno e da Piero Querini: quest’ultime sono provenienti da Candia (Kriti). Lascia l’arcipelago e naviga sulle coste barbaresche: nel porto di Tunisi sorprende e dà alle fiamme un mercantile genovese appartenente a Giovanni Roccatagliata. Il giorno seguente cattura un piccolo vascello che sta trasportando del vino da Savona. Il valore dei due carichi è stimato in 6000 lire genovesi. Giacomo Dandolo nel rientrare verso Messina avvista 2 galee genovesi con una saettia: si impadronisce di una galea. Tutte le imbarcazioni catturate sono inizialmente condotte a Messina e, da qui, vengono rimorchiate a Ragusa (Dubrovnik).

Estate

Venezia

Corsari genovesi

Contrasta con 34 galee la squadra corsara di Lanfranco Borbonino (28 galee). Si dirige a Ragusa. Ricevuti rinforzi da Candia e da Negroponte si scontra con gli avversari al largo di Trapani. I corsari genovesi vengono sconfitti e sono loro conquistate 15 galee. Lanfranco Borbonino ed i suoi ufficiali vengono accusati dai genovesi di negligenza.

CITAZIONI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here