Giorgio di Villaroel

0
1996

Indice Anagrafico dei corsari operanti nel Mediterraneo:

A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - Y - Z

 

Cerca nel sito:

GIORGIO DI VILLAROEL Cavaliere dell’ordine gerosolomitano. Balivo di Negroponte.

+

Anno, mese Stato, in proprio Avversario Azioni intraprese ed altri fatti salienti
1644
Dicembre Ha il comando delle galee dell’ordine gerosolomitano.
1645
……………… Con 4 galee scorta il viceré di Sicilia de los Velez da Messina a Napoli.
Maggio

Ritorna dalla Sicilia. A bordo vi sono numerosi cavalieri accorsi a difendere Malta da un eventuale attacco turco.

Agosto Malta Impero ottomano

E’ inviato a Messina con 6 galee per raggiungere la flotta cristiana comandata dal principe Ludovisi ( 17 galee in tutto). Si collega a Zante (Zakinthos) con le squadre veneziane. Secondo l’usuale protocollo la capitana pontificia, con a bordo il principe di Piombino, si attesta al centro dello schieramento; alla sua destra si colloca la capitana di Venezia con il provveditore generale Girolamo Morosini, a sinistra la capitana di Malta con Giorgio di Villaroel; all’estrema destra, infine, si colloca la capitana di Toscana.

Settembre

Si trasferisce nelle acque dell’isola di Candia (Kriti). La flotta turca è ormeggiata all’isola di San Teodoro con 70/80 galee, 50 vascelli d’alto bordo, numerose saiche e caramussali. Giorgio di Villaroel consiglia, inascoltato, di assalire i nemici alla fonda; i veneziani preferiscono spostarsi nel porto di Suda (Souda) e da qui presentarsi davanti a La Canea (Khania) caduta in mano ottomana. Il vento ostacola ogni operazione ed i turchi non accettano la battaglia navale.

Ottobre

Termina la campagna per i maltesi. Giorgio di Villaroel raggiunge Messina e da qui si porta a Malta.

1646
Giugno

Si reca a Messina con 5 galee ed una tartana carica di artiglierie; aspetta per quindici giorni l’arrivo delle altre squadre finché, vista inutile l’attesa, rientra a Malta. Ancora a Messina; riparte e tocca Otranto e Corfù (Kerkira). Passa alla difesa di Suda.

Agosto

Fa sbarcare i suoi soldati che attaccano un forte nel monte di Calami: l’assalto viene respinto dai turchi. A metà mese si dirige nottetempo all’isola di Cerigo (Kithira) con Alessandro Zambeccari per potere andare incontro a 2 grosse navi provenienti da Messina, cariche di rifornimenti per le squadre ausiliarie pontificia e maltese. Compare la peste a bordo delle galee pontificie e gli equipaggi vengono falcidiati: pressante è la richiesta per rientrare in Italia.

Settembre ottobre

Riparte per Malta ai primi di settembre; a Prodano si incontra con 9 vascelli che navigano verso Suda, armati parte in Olanda e parte in Provenza (Provence) agli ordini di Francesco di Neuchesses. Tocca Zante (Zakinthos), Corfù, Otranto, Messina ed arriva a Malta.

Novembre Allo spirare della carica viene eletto al suo posto Carlo di Faison Saint-Iey.
1648
Primavera

Ricopre l’incarico di ambasciatore al viceré di Napoli don Giovanni d’Austria; si congratula con lo spagnolo per la cessazione della rivolta del Masaniello. Rientra a Malta: non accetta la richiesta del viceré di utilizzare 60 schiavi francesi da utilizzare come vogatori nelle galee spagnole. L’ordine non vuole inimicarsi la Francia  in guerra con la Spagna.

CITAZIONI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here