Giovanni di Giovanni

Indice Anagrafico dei corsari operanti nel Mediterraneo:

A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - Y - Z

 

Cerca nel sito:

GIOVANNI DI GIOVANNI Cavaliere dell’ordine gerosolomitano. Priore di Messina.

+ 1700 (febbraio)

Anno, mese

Stato, in proprio

Avversario

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1659

 

 

 

Agosto

Malta

 

Ha il comando della galea “San Luigi”.

1661

 

 

 

Giugno

Malta

Impero ottomano

Combatte i turchi nella guerra di Candia (Kriti) nella squadra comandata da Fabrizio Ruffo. Gli avversari sono avvistati mentre stanno navigando verso Negroponte (Evvoia). Con la galea “San Luigi” punta su Sifanto (Sifnos), investe una galea ottomana e la conquista: questo fatto suscita le proteste di Francesco Morosini in quanto la nave nemica si era arresa in precedenza ai veneziani.

1674

 

 

 

Agosto

 

 

A Milazzo allorché Messina si ribella agli spagnoli.

1691

 

 

Ha il comando delle galee dell’ordine gerosolomitano.

1692

 

 

 

Luglio

Malta

Impero ottomano

Con Anton Domenico Bussi, che capitana le galee pontificie, si congiunge con la flotta veneziana guidata da Domenico Mocenigo. Assedia invano La Canea (Khania). Si sposta all’isola di San Teodoro con il Bussi: i due respingono con i loro uomini l’attacco portato da 2000 fanti e da 200 cavalieri condotti da Kara Mufsa.

1693

 

 

 

Giugno

 

 

Sempre con Domenico Bussi affianca la flotta veneziana del doge Francesco Morosini.

1700

 

 

 

Febbraio

Malta

Corsari barbareschi

Prende parte ad un’ultima crociera. Si distingue in un violento combattimento con una grossa nave corsara durante il quale, malfermo per la vecchiaia, si fa sostenere dal servente d’arme. All’uccisione del suo collaboratore Giovanni di Giovanni si regge in piedi attaccandosi alla murata della capitana. Mentre è sul punto di arrendersi la nave barbaresca perde il timone ed investe con lo sperone la galea maltese. Quest’ultima affonda con Giovanni di Giovanni, 22 cavalieri e qualche centinaio di soldati e marinai che si trovano a bordo.

CITAZIONI  

Previous articleGingarra
Next articleGiovanni fra