Bannister Daniel

Indice Anagrafico dei corsari operanti nel Mediterraneo:

A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - Y - Z

 

Cerca nel sito:

 

DANIEL BANNISTER  Inglese. Corsaro.

+

Anno, mese

Stato, in proprio

Avversario

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1609

 

 

 

 

Aprile. Salpa da Ancona con un piccolo vascello, il “Charity”; ha a bordo un carico di frumento ed è diretto a Malaga. Si accompagna, per maggiore sicurezza, con il “Pearl” di Londra. Nelle acque di Cartagena è intercettato dalla squadra corsara di John Ward (6 vascelli). Punta verso lo stretto di Gibilterra. 3 legni avversari sottomettono subito il “Pearl”. Daniel Bannister si dà alla fuga inseguito dalle rimanenti navi, di cui una è armata con 30 cannoni e 2 con 26 pezzi ciascuna. L’equipaggio avversario è costituito da 600 turchi ed è comandato dall’inglese Foxley. Presto è costretto alla resa. Fatto prigioniero con i passeggeri, viene rimesso in libertà perché in un viaggio precedente la “Charity” ha condotto a Costantinopoli il pascià di Tunisi. Riprende il mare assieme con altre 3 navi inglesi ed una fiamminga. Il convoglio è avvistato dal corsaro francese Baaulieu-Persac; nel frattempo compare anche Simon De Danser con 5 vascelli algerini. Il “Prosperous”, il “Pearl” ed il mercantile fiammingo sono trattenuti dai corsari barbareschi, mentre egli, con il “Charity”, è lasciato andare.

1618

Venezia

Spagna

Primavera. Viene assoldato dai veneziani per combattere nell’  Adriatico la flotta spagnola del duca di Ossuna. Sono armati 7 vascelli dotati di 22-28 pezzi di artiglieria ciascuno.  Salpa dall’Inghilterra, risale il Mediterraneo e raggiunge l’Adriatico dopo avere superato l’opposizione degli avversari.

……………..

 

 

 

 

Sulla fine dell’anno parte da Venezia senza lasciare un buon ricordo della sua attività.

CITAZIONI 

Previous articleBalla Rais
Next articleBarbarigo Pietro