Pisani Antonio

350FansLike

Indice Anagrafico dei corsari operanti nel Mediterraneo:

A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - Y - Z

 

Cerca nel sito:

ANTONIO PISANI Di Venezia.

+ 1635 ca.

Anno, mese Stato, in proprio Avversario Azioni intraprese ed altri fatti salienti
1617
Aprile Venezia Napoli Ha il comando di una galeazza nella squadra condotta da Lorenzo Venier.
1619
Aprile Venezia Napoli

Lascia l’isola di Candia (Kriti) con 10 galee e si congiunge a Corfù (Kerkira) con la flotta comandata dal Venier. Incrocia le coste albanesi;  sequestra ogni nave carica di frumento che sia diretta a Napoli.

1624
Luglio Venezia Corsari barbareschi

E’ nominato provveditore della flotta. 13 galotte barbaresche, comandate da Alì Mehemi e da Osta Morat si inoltrano nelle bocche di Cattaro (Kotor) con la connivenza del governatore turco di Castelnuovo (Herceg Novi, Montenegro); è messa a sacco Perasto. Il fatto viene preso a pretesto da 23 galee spagnole che, condotte dal marchese di Santa Cruz, avanzano sino a Ragusa (Dubrovnik). Alla notizia Antonio Pisani si sposta nelle stesse acque con 8 galee e 2 galeazze: avvista al Capo Sant’Elia di Itaca (Ithaki) le navi barbaresche rafforzate da una galea di Hassan Mariolo e da 4 fuste di Santa Maura (Levkas) che hanno intrapreso a saccheggiare l’isola. Le galeotte e la galea avversarie, ancorate a Capo Ducato, si danno alla fuga inseguite dal fuoco dei suoi cannoni; gli equipaggi delle 4 fuste, invece, sbarcano nella costa nord di Itaca e qui sono fatti prigionieri dagli abitanti per essere venduti come schiavi. Antonio Pisani si appropria delle 4 fuste di Santa Maura incagliatesi a terra e le fa sue: 10 turchi trovati a bordo sono da lui fatti decapitare il mattino del giorno seguente. Gli spagnoli si ritirano; Antonio Pisani riceve l’ordine di incrociare al largo di Santa Maria di Leuca e di Otranto.

1630

Scorta da Ancona a Trieste con 13 galee la sorella del re di Spagna Maria, che deve recarsi in Ungheria per sposarsi con Ferdinando d’Austria.

1635

CITAZIONI

Previous articlePiquet Thomas
Next articlePodiani Giulio