Credo Willem

Indice Anagrafico dei corsari operanti nel Mediterraneo:

A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - Y - Z

 

Cerca nel sito:

WILLEM CREDO Olandese. Corsaro. Di Veere

1663 – 1733.

Anno, mese Stato, in proprio Avversario Azioni intraprese ed altri fatti salienti
1689/ 1713 In proprio

Opera nel Mediterraneo;  nell’arco di venticinque anni di attività si impossessa di almeno 100 imbarcazioni per un bottino valutabile sui 3,5 milioni di fiorini. E’ molto attivo al largo di Genova, in Levante ed in Ponente. Con le sue scorrerie diviene talmente pericoloso per il commercio che le autorità francesi proibiscono ai corsari della Zelandia di usufruire del porto di Marsiglia (Marseille) come base logistica delle loro scorribande. Durante la guerra di Successione Spagnola viene inviato alla sua caccia un vascello francese, comandato dal capitano Laigle, e forte di 50 cannoni. Sulla sua testa è pure posta una taglia di 20000 fiorini. L’incontro/scontro tra i due uomini di mare, secondo il Bacot, si sarebbe risolto in un brindisi.

1714- 1717

In proprio E’ segnalata la sua presenza, sempre nel Mediterraneo, a bordo del suo vascello “De Parel I”. Nel 1717 si incontra ad Alphen con lo zar Pietro il Grande che vorrebbe reclutarlo nella marina russa alla testa di una squadra.

1733

Muore a  Veere.

CITAZIONI

-“Un an après sa mort..parait un livre écrit par son gendre, le prédicateur Gérard Bacot..Ce livre consitue certes une source sue les exploits de ce corsaire, mais semble méler des évenements historiques avec des faits qui le sont beaucoup moins, et contribue à developper una mithologie autour du personnage… Durant la guerre de la Ligue d’Augsbourg, il capture au moins cinq corsaires, la plupart de Dunkerque. C’est un solitaire, agissant de préference en mer du Nord, dans la Manche, dans l’océan Atlantique et en Méditerranée jusqu’en Crete. Il lui arrive cependant de chasser en compagnie d’autres compères: notamment au cours de la Ligue d’Augsbourg avec Daniel Propheet et Gelayn Ockerman, le corsaire qui realise le plus de prises au cours de ce conflit.” R. Barazzutti

Previous articleCraxalli
Next articleCruylles de Gilabert